I migliori giocatori disponibili del Draft NFL per i New York Giants: Andrew Booth, Nakobe Dean

Giovedì i Giants hanno fatto un paio di scelte nel primo round del Draft NFL: Kayvon Thibodeaux, rusher di bordo dell’Oregon al numero 5 e contrasto offensivo dell’Alabama Evan Neal al numero 7. Quelle scelte soddisfacevano due grandi esigenze, ma il direttore generale Joe Schoen ha un sacco di lavoro rimanente.

I Giants hanno altre sette scelte, di cui tre venerdì sera: una scelta del secondo round (n. 36) e due scelte del terzo round (n. 67 e 81). Hanno quattro scelte aggiuntive sabato.

Ecco alcuni potenziali obiettivi ad ogni scelta:

Secondo round (n. 36)

1. Andrew Booth Jr., CB, Clemson: I Giants avrebbero dovuto prendere di mira due delle tre posizioni nel primo round: tackle offensivo, edge rusher e cornerback. Sono andati con tackle e edge rusher, in modo che il cornerback sia un grande buco che deve essere riempito nel Day 2. Booth ha le capacità di copertura dell’uomo che si adattano al sistema del coordinatore difensivo Don “Wink” Martindale. Kyler Gordon di Washington è un altro potenziale bersaglio di cornerback nel secondo turno.

2. Nakobe Dean, LB, Georgia: Linebacker è un bisogno sottovalutato per i Giants, dato che hanno Blake Martinez nell’ultimo anno del suo contratto che è uscito da un ACL strappato e un gruppo di giocatori marginali della NFL. C’è un gruppo di linebacker che potrebbero soddisfare questa esigenza nel secondo round, con l’abilità di regia di Dean che lo rende un ottimo compagno. Anche Christian Harris dell’Alabama potrebbe essere un obiettivo del secondo round.

3. Logan Hall, DL, Houston: I Giants hanno preso Thibodeaux al primo turno, ma la loro corsa al passaggio ha ancora bisogno di aiuto. La versatile Hall aiuterebbe in quel dipartimento. Il 6 piedi-6, 283 libbre può allinearsi in una varietà di posizioni, che è una caratteristica ambita da Martindale.

4. Skyy Moore, WR, Michigan occidentale: Si sussurrava che i Giants potessero prendere un ricevitore largo al primo round. Ciò ovviamente non è accaduto, ma non sarebbe uno shock se affrontassero la posizione all’inizio del Day 2. Moore è esploso con 95 catture per 1.292 yard e 10 touchdown la scorsa stagione.

5. David Ojabo, Edge, Michigan: Questa sarebbe una scelta jolly, ma vale la pena considerare. Ojabo è stato visto come un talento al primo turno prima di strapparsi il tendine d’Achille al giorno dei professionisti del Michigan. Anche se Ojabo salta la sua stagione da rookie, i Giants devono considerare il valore di aggiungere un talento d’élite in una posizione privilegiata in questa fase del draft.

C’è un jolly potenziale ancora più grande: Quarterback. Kenny Pickett di Pitt è stato l’unico QB scelto al primo round. Sarebbe una sorpresa se i Giants arruolassero un quarterback, ma l’eccedenza nella posizione potrebbe rendere la 36a scelta più attraente in uno scambio.


Il running back della Georgia James Cook potrebbe essere un’opzione del Day 2 per i Giants. (David Rosenblum/Icon Sportswire tramite Getty Images)

Terzo round (nn. 67, 81)

1. Jelani Woods, TE, Virginia: I Giants stanno completamente rinnovando la loro stanza dei tight end. Hanno qualche ripiego da veterani, ma hanno bisogno di una soluzione a lungo termine. Il Woods da 6-7, 253 libbre sarebbe l’ideale.

2. Alec Pierce, WR, Cincinnati: I Giants sono destinati ad aggiungere un wide receiver ad un certo punto del draft. I round centrali potrebbero essere il punto debole se non ne prendono uno prima, e una prospettiva come il Pierce da 6-3, 211 libbre rappresenterebbe un’opzione di partenza se la stanza dei ricevitori viene scossa.

3. James Cook, RB, Georgia: I Bills hanno preso running back nel terzo round di bozze consecutive quando Schoen era il loro assistente GM. Quella tendenza potrebbe continuare con i Giants mentre si preparano alla vita dopo Saquon Barkley. La capacità di regia dinamica di Cook si adatta a ciò che l’allenatore Brian Daboll cerca in un running back.

4. Nick Cross, Sud, Maryland: I Giants hanno solo due safety nel roster, quindi devono fare un’aggiunta nel draft. Cross ha la versatilità per giocare in diversi posti nelle secondarie e potrebbe diventare un solido complemento a Xavier McKinney.

5. Luke Fortner, C/G, Kentucky: Anche dopo aver preso Neal al primo round, i Giants hanno bisogno di rinforzare l’interno della loro linea. Fortner potrebbe spingere per un lavoro di guardia titolare come rookie con un piano per diventare il centro di partenza a lungo termine.

Quarto round (n. 112)

1. Charlie Kolar, TE, Stato dell’Iowa: Se i Giants non prendono un tight end nel Day 2, sembra un blocco che prenderanno di mira uno all’inizio del Day 3. Il Kolar da 6-7, 252 libbre sarebbe in grado di intervenire immediatamente come giocatore a rotazione .

2. Khalil Shakir, WR, Stato di Boise: I Bills usavano spesso i plettri del Day 3 su ricevitori larghi durante il periodo di Schoen a Buffalo. Schoen spera che Shakir possa diventare il prossimo Gabriel Davis, una scelta del quarto round nel 2020 con un potenziale significativo.

3. Isaiah Spiller, RB, Texas A&M: Come con il tight end, i Giants pensano di fare un running back al Day 3 se non ne prendono uno prima. Hanno bisogno di migliorare la loro profondità in questa stagione tenendo d’occhio il futuro. Spiller ha le caratteristiche per trasformarsi in una schiena a tre.

4. John Ridgeway, DT, Arkansas: I Giants hanno esercitato l’opzione per il quinto anno di Dexter Lawrence per il 2023, mentre Leonard Williams potrebbe essere una vittima nella prossima offseason. Anche se entrambi questi giocatori vengono mantenuti, i Giants devono rafforzare la loro linea difensiva. Il Ridgeway da 6-5, 321 libbre potrebbe trasformarsi nel naso a lungo termine.

5. JoJo Domann, LB, Nebraska: Domann ha l’atletismo che Martindale brama nei linebacker. Il 6-1, 228 libbre potrebbe completare il Martinez più fisico all’interno.

Quinto (n. 147, 173) e sesto (n. 182) round

1. Jaylen Watson, BC, Stato di Washington: Non ci sono prospettive perfette in questa parte del draft, quindi le squadre sono alla ricerca di giocatori con tratti che possono essere sviluppati o un set di abilità che si tradurrà nella NFL. Il Watson da 6-2, 197 libbre ha le dimensioni e la lunghezza che si adattano agli schemi di Martindale.

2. Zach Thom, C/T, Wake Forest: I Giants pensano di continuare a lanciare dardi sulla linea offensiva per aumentare la profondità. Il Thom da 6-4, 304 libbre ha la versatilità per fungere da placcaggio di riserva mentre potenzialmente si sviluppa in un centro di partenza.

3. Percy Butler, Sicurezza, Louisiana: Il maggiordomo da 6 piedi e 194 libbre ha corso una corsa di 40 yarde di 4,34 secondi sulla mietitrebbia. Quella velocità dovrebbe renderlo un collaboratore immediato di squadre speciali con tratti che possono essere sviluppati in sicurezza.

4. Pierre Strong, RB, Stato del Dakota del Sud: Il set di abilità di Strong si adatta bene a uno schema di esecuzione in zona esterna, che dovrebbe essere schierato da Daboll. Strong potrebbe essere un difensore a rotazione con il potenziale per crescere in un ruolo di terzo in svantaggio.

5. Chigoziem Okonkwo, TE, Maryland: Il trattino di 40 yarde di 4,52 secondi di Okonkwo è stato il più veloce tra i tight end alla mietitrebbia. Il 6-3 da 238 libbre potrebbe ricoprire il ruolo di difensore H nell’attacco di Daboll.

(Foto in alto di Andrew Booth Jr.: Jacob Kupferman/Getty Images)

.

Leave a Comment