I funzionari della Carolina del Nord rifiutano l’affermazione di Cawthorn che il divieto degli insurrezionisti della Costituzione non si applica più

Ma l’ufficio dell’AG statale, guidato dal procuratore generale democratico Josh Stein, non era d’accordo con l’interpretazione di Cawthorn, citando i commenti dei legislatori che aiutarono ad approvare la legge del 1872 e osservando che lo stesso Congresso aveva applicato il divieto del 14° emendamento nel 1919 contro un uomo di nome Victor Berger, che è stato escluso dall’incarico per aver violato la legge sullo spionaggio durante la prima guerra mondiale.

“L’argomentazione dell’attore è infondata, in quanto invaliderebbe l’intento espresso dei legislatori che hanno emanato sia il quattordicesimo emendamento che l’Amnesty Act del 1872”, ha scritto il vice procuratore generale speciale Terence Steed in un deposito a cui si sono uniti altri tre funzionari del procuratore generale dello stato ufficio.

Il caso è un importante test iniziale per coloro che cercano di imporre conseguenze ai membri del Congresso che hanno accolto le false affermazioni dell’ex presidente Donald Trump sui risultati delle elezioni del 2020. Queste affermazioni hanno contribuito ad alimentare i disordini che hanno portato all’attacco al Campidoglio lo scorso anno, lasciando decine di agenti di polizia feriti e interrompendo il passaggio del potere da Trump al presidente Joe Biden.

La Carolina del Nord presenta una delle leggi più permissive che consente sfide all’idoneità dei candidati, in genere per cose come età, residenza o cittadinanza. Secondo lo statuto, i candidati che devono affrontare le sfide devono difendersi affermativamente e la commissione elettorale determina se le prove supportano la squalifica.

Una sfida all’idoneità di Cawthorn per la carica è stata presentata il mese scorso da avvocati che rappresentano gli elettori nel distretto di Cawthorn. Hanno detto che Cawthorn “è stato coinvolto negli sforzi per intimidire il Congresso e il Vicepresidente facendogli rifiutare voti elettorali validi”. E hanno detto quando è apparso a gennaio. 6, 2021, manifestazione che ha preceduto l’attacco al Campidoglio, Cawthorn avrebbe saputo che sarebbe stato probabilmente un preludio alle violenze.

Questi fattori, hanno detto, innescano il divieto del 14° emendamento sull’idoneità di Cawthorn a servire al Congresso.

Oltre alla sua affermazione che il divieto del 14 ° emendamento è obsoleto, la causa di Cawthorn sostiene che la legge della Carolina del Nord che conferisce allo stato la capacità di valutare la sua idoneità è una qualifica incostituzionale per i candidati federali, che sono soggetti solo ai criteri stabiliti nella Costituzione. Il Congresso ha l’autorità suprema, osserva, per determinare se ospitare i legislatori entranti.

“[T]L’interesse pubblico è servito nella scelta dei rappresentanti del popolo mediante processi democratici, non mediante burocrati statali, che Challengers propone qui”, sostiene Cawthorn in una memoria presentata dall’eminente avvocato conservatore James Bopp Jr. “Lo schema antidemocratico contenuto nelle disposizioni del North Carolina Challenge soppianta gli elettori dei burocrati statali che determineranno chi può rappresentare il popolo”.

Ma i procuratori statali affermano che la denuncia di Cawthorn è fuorviante. La commissione elettorale statale impedisce semplicemente ai candidati non ammissibili – coloro che non soddisfano i requisiti costituzionali per candidarsi – di comparire al ballottaggio. Il Congresso può in seguito determinare che un legislatore eletto non è idoneo a sedere alla Camera. Ma le autorità statali hanno il potere di valutare potenziali candidati alla carica, affermano i procuratori dello stato.

La maggior parte delle argomentazioni dei procuratori di stato è semplicemente che la causa di Cawthorn è prematura. Il consiglio elettorale statale offre ai candidati ampie opportunità di difendersi dalle sfide e non ha emesso alcuna sentenza nel caso di Cawthorn. Inoltre, la sfida di Cawthorn arriva nel mezzo di una riorganizzazione distrettuale ordinata dal tribunale che potrebbe influenzare il distretto che Cawthorn sta correndo a rappresentare, il che potrebbe rendere discutibile la sfida contro di lui.

Se la sfida contro Cawthorn va avanti, va prima a un pannello investigativo di tre membri – nominato dal consiglio elettorale statale – per una determinazione. Dopo che il collegio ha emesso una sentenza, le parti possono impugnare la sentenza al consiglio di stato dei cinque membri. Questo processo, affermano gli avvocati dello stato, offre a Cawthorn molteplici possibilità di difendere la sua idoneità. La sua causa dovrebbe essere intentata solo dopo che questo processo è completo, sostengono.

“[Cawthorn] ha fatto la sua richiesta prima di aver subito un danno”, affermano gli avvocati. “Qualsiasi procedimento di impugnazione del candidato può portare l’attore a dimostrare con successo di non essere squalificato; in tal caso, non subirebbe alcun danno”.

Leave a Comment