I Detroit Lions WR sono entusiasti per l’attacco “rinnovato” di Ben Johnson

In questa bassa stagione, i Detroit Lions hanno promosso l’allenatore dei tight end Ben Johnson a coordinatore offensivo. Secondo la maggior parte dei resoconti, questa era una formalità. Johnson aveva le sue impronte digitali in tutto l’attacco quando l’allenatore Dan Campbell decise di assumere le funzioni di chiamata di gioco dall’allora OC Anthony Lynn a metà stagione. Da lì, l’influenza di Johnson sull’offesa è solo cresciuta.

Ora diretto all’anno 2 dell’era Campbell, sembra che Johnson abbia piani molto diversi per l’attacco nel 2022.

“Direi sicuramente che è diverso dall’anno scorso”, ha detto mercoledì ai media il wide receiver Amon-Ra St. Brown. “Decisamente una nuova lingua. Devi ricominciare da capo. Ovviamente, c’è un po’ di rollover rispetto all’anno scorso, ma non molto. L’ha rinnovato, l’ha fatto suo. È come una nuova lingua, ci vuole un minuto, ma una volta che avremo capito tutto, sarà facile per noi”.

Non sorprende che i giocatori dei Lions non fossero ansiosi di rivelare troppi dettagli su questo nuovo attacco, e probabilmente c’è molto che Johnson deve ancora progettare e creare, ma abbiamo ricevuto alcuni suggerimenti.

Per uno, sembra che i Lions avranno molte parti in movimento quando si tratta del loro attacco. Poiché così tanti dei loro ricevitori possono giocare più posizioni, Detroit è pronta a utilizzare quella versatilità.

Ciò fa appello al nuovo ricevitore Lions DJ Chark, che ha ammesso di sentirsi un po’ unidimensionale nei suoi precedenti reati, che prevedevano quattro diversi coordinatori offensivi negli ultimi quattro anni.

“Nei miei ultimi anni, non voglio dire (sono stato) messo in una scatola, ma solo eseguendo percorsi e schemi specifici”, ha detto Chark. “Qui, (sto) giocando in più posizioni, muovendomi, correndo tutti i percorsi.

“Anche se probabilmente non li sto eseguendo nel gioco, li sto esercitando e facendoli ancora e ancora, migliorando. Penso che questo mi aiuti molto perché sento che è quando sono al meglio, quando posso muovermi. Questo è ciò che questo attacco richiede da noi, essere in grado di conoscere più punti e spostarci, così possiamo fare ciò che ogni giocatore sa fare meglio e attaccare la difesa nel miglior modo possibile”.

Un’area specifica Chark crede di poter migliorare il suo gioco è con le yard dopo la presa. Per gran parte della sua carriera a Jacksonville, Chark è stato un corridore profondo a cui è stato chiesto di usare la sua lunghezza per le catture contestate. A Detroit si aspetta occasioni per prendere la palla in mano e correre.

“Mi piace avere la palla in mano ed essere in grado di correre, fare mosse, mostrare forza, cose del genere”, ha detto Chark. “Essere in grado di farlo, oltre a quello che ho già fatto, sarebbe piuttosto divertente.”

Anche St. Brown, il cui breakout di fine stagione si è allineato quasi esattamente con quando Campbell ha assunto le funzioni di chiamata di gioco, è entusiasta del nuovo attacco. Per lo più, è rimasto impressionato dal suo nuovo coordinatore.

“Penso che l’intervento di Ben a metà stagione ci abbia davvero aiutato come attacco con il gioco di passaggio”, ha detto St. Brown. “Lo amo. Penso che sia uno dei migliori allenatori con cui sia mai stato in giro e sono super entusiasta che sia il coordinatore offensivo”.

Naturalmente, c’è anche l’aggiunta della dodicesima scelta assoluta, Jameson Williams, all’equipaggio. L’ex ricevitore dell’Alabama che ha collezionato 1.572 yard e 15 touchdown la scorsa stagione potrebbe o meno essere pronto all’inizio della stagione a causa di un ACL strappato a gennaio, ma una cosa è certa, aprirà questo attacco una volta che -e la sua velocità di 4,3 (4,2?) – sono scesi in campo.

“Penso che aprirà più buchi nel mezzo”, ha detto St. Brown. “Non credo che l’anno scorso abbiamo avuto molto successo con la palla profonda. Questa è un’area come attacco su cui vogliamo migliorare e l’aggiunta di ragazzi del genere ci aiuterà. Come ho detto, aprirà più buchi nel mezzo, quindi sarà fantastico per noi”.

Le aspettative per questo reato saranno sicuramente più alte quest’anno. La linea offensiva di Detroit, che è stata segnata da un infortunio l’anno scorso, è diretta verso le attività fuori stagione a pieno regime. Detroit sta riportando la sua forte scuderia di running back, Jared Goff sta entrando nell’anno 2 a Detroit e con l’aggiunta di Chark e Williams a un corpo di ricezione che è stato esaurito a metà della scorsa stagione, sembra che tutti i pezzi siano a posto .

“Quando (Williams) arriva e possiamo mettere tutto insieme, penso che renda tutto più facile per tutti”, ha detto Chark. “Molte volte in attacco, sarei stato il ragazzo che apre il campo agli altri, ma sarebbe bello aprire il campo agli altri e loro fanno lo stesso. Abbiamo così tanti pezzi diversi: la o-line e le fantastiche running back. Sono emozionato. Penso che il cielo sia il limite.

Leave a Comment