I camionisti statunitensi pianificano una protesta contro la pandemia, ispirati dalle controparti canadesi

I camionisti e i loro sostenitori iniziano a radunarsi prima che un convoglio parta la mattina seguente diretto alla capitale della nazione per protestare contro i mandati del vaccino contro la malattia del coronavirus (COVID-19), ad Adelanto, California, USA, 22 febbraio 2022. REUTERS/David Swanson

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

ADELANTO, California, 23 febbraio (Reuters) – Prendendo spunto dalle manifestazioni che hanno paralizzato per settimane la capitale del Canada, Ottawa, mercoledì i camionisti statunitensi hanno in programma di iniziare un viaggio attraverso il paese di 2.500 miglia (4.000 km) verso Washington per protestare contro le restrizioni contro il coronavirus.

Gli organizzatori del “Convoglio del popolo” affermano di voler “rilanciare l’economia” e riaprire il Paese. Il loro viaggio di 11 giorni si avvicinerà alla tangenziale intorno alla capitale degli Stati Uniti il ​​5 marzo, “ma non entrerà a Washington vera e propria”, secondo una dichiarazione.

Il Pentagono ha dichiarato martedì di aver approvato 400 soldati della Guardia Nazionale del Distretto di Columbia, che non avrebbero portato armi, per aiutare nei posti di traffico da sabato fino al 7 marzo.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Circa 50 grandi veicoli tattici sono stati anche approvati per essere collocati ai posti di traffico.

Inoltre, fino a 300 soldati della Guardia Nazionale al di fuori di Washington sono stati autorizzati a venire in città per assistere ai posti di traffico, se necessario.

Brian Brase, un camionista che è uno degli organizzatori, ha affermato che, indipendentemente da dove si fermano i camion, “non andremo da nessuna parte” finché le richieste del gruppo non saranno soddisfatte. Tali richieste includono la fine del vaccino COVID-19 e dei requisiti delle maschere.

La maggior parte degli stati degli Stati Uniti sta già allentando alcune restrizioni. In California, dove inizia il convoglio, la scorsa settimana sono state revocate le mascherine universali, mentre le mascherine per le persone vaccinate sono richieste solo nelle aree ad alto rischio come i trasporti pubblici, le scuole e le strutture sanitarie.

Un altro convoglio avrebbe dovuto lasciare Scranton, Pennsylvania, città natale del presidente Joe Biden, mercoledì mattina e arrivare sulla tangenziale, formalmente nota come Interstate 495, nel pomeriggio. La Beltway attraversa il Maryland e la Virginia fuori dal distretto.

L’organizzatore Bob Bolus di Scranton ha detto alla stazione televisiva di Washington WJLA che il suo convoglio non ha intenzione di infrangere le leggi o bloccare il traffico, ma ha avvertito che ciò potrebbe accadere se le loro richieste relative ai mandati pandemici e al costo del carburante non fossero intenzionate.

“Non ci intimidiranno e non ci minacceranno. Siamo noi il potere, non loro”, ha detto Bolus, un camionista che possiede un’azienda di carri attrezzi.

A partire da mercoledì mattina, il convoglio, che non aveva ancora lasciato Scranton, era costituito da una motrice, un autocarro con cassone ribaltabile e una manciata di camioncini.

In Canada, le proteste legate alla pandemia hanno soffocato le strade di Ottawa per più di tre settimane e bloccato per sei giorni il passaggio di terra più trafficato tra Canada e Stati Uniti – l’Ambassador Bridge che collega Windsor, Ontario e Detroit.

Il primo ministro Justin Trudeau ha invocato poteri di emergenza usati raramente per porre fine alle proteste e la polizia canadese ha ripristinato un senso di normalità a Ottawa durante il fine settimana.

“Abbiamo in programma di rimanere un po’ e speriamo che non intensifichino le cose come ha fatto Trudeau con il suo disgustoso superamento del governo”, ha detto Brase da Adelanto, in California, dove inizierà il convoglio, a circa 80 miglia (130 km) a nord-est di Los Angeles .

Brase ha detto che si aspettava che migliaia, forse decine di migliaia, avrebbero partecipato. Gli organizzatori considerano il convoglio apartitico, guidato da camionisti e supportato da un’ampia gamma di minoranze etniche e fedi religiose.

La crescita economica negli Stati Uniti, come in altri paesi, è stata interrotta bruscamente dall’imposizione di blocchi nel 2020 per frenare la diffusione del coronavirus.

L’economia è esplosa da quando il governo federale ha pompato in trilioni di dollari di aiuti, crescendo del 5,7% nel 2021, la più forte dal 1984, anche se da un basso riflusso nel 2020, ha riferito il Dipartimento del Commercio a gennaio.

Nel frattempo, la disoccupazione si attesta al 4%, vicino al tasso del 3,5% di febbraio 2020, appena prima che la pandemia prendesse piede, secondo il Bureau of Labor Statistics. Ma i venti contrari legati alle catene di approvvigionamento tese e all’inflazione, inclusi l’aumento dei costi del carburante, rimangono.

“Ora è il momento di riaprire il Paese”, hanno affermato gli organizzatori della protesta in una nota.

Tra le altre richieste, i manifestanti vogliono la fine immediata dello stato di emergenza in California – lo stato più popoloso degli Stati Uniti con una delle più grandi economie del mondo – che il governatore Gavin Newsom ha esteso.

A livello nazionale, i nuovi casi di COVID-19 e i ricoveri in ospedale dovuti al coronavirus sono crollati dai massimi storici raggiunti un mese fa, anche se quasi 2.000 persone al giorno stanno ancora morendo a causa della malattia e il numero di decessi totali si sta avvicinando a 1 milione da allora è iniziata la pandemia.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Reporting di Omar Youis ad Adelanto; Rapporti e scritti aggiuntivi di Daniel Trotta a Carlsbad, California; Montaggio di Rosalba O’Brien, Mark Heinrich e Jonathan Oatis

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment