I 7 scambi del Draft NFL 2022 più plausibili | Rapporto Bleacher

0 di 7

    Jim McIsaac/Getty Images

    La tensione sarà una parte costante del draft NFL 2022, ma quel dramma andrà oltre le selezioni da rookie. Per tutta la notte del 28 aprile, le squadre prenderanno in considerazione un numero qualsiasi di offerte commerciali.

    Come al solito, la maggior parte delle conversazioni commerciali si concentrerà sulle scelte al draft stesse. Le squadre della NFL confezionano regolarmente alcune delle loro scelte per salire e conquistare un potenziale cliente specifico.

    Sebbene sia meno probabile, gli attuali giocatori della NFL saranno anche oggetto di altre discussioni. Questi scambi tendono a verificarsi nella settimana che precede l’evento, ma la possibilità che un giocatore di grande nome venga distribuito il giorno del draft merita comunque considerazione.

    L’elenco è soggettivo ma tiene conto delle ultime voci, insieme alle esigenze attuali di ciascuna squadra e al progetto di capitale.

1 di 7

    John McCoy/Associated Press

    Sulla carta, è un abbinamento perfetto.

    Dopo aver inviato Davante Adams ai Las Vegas Raiders, i Green Bay Packers non hanno un ricevitore n. 1. Hanno acquisito una scelta del primo e del secondo round in quello scambio, creando la possibilità di utilizzare una delle quattro selezioni dei primi 64 per ottenere un ricevitore affermato.

    Nel frattempo, i Seattle Seahawks sembrano orientarsi verso lo stile di prima corsa preferito di Pete Carroll. Russell Wilson è ora un membro dei Denver Broncos. Tra questo cambiamento filosofico e il fatto che Tyler Lockett abbia il suo contratto per un sacco di soldi, è difficile credere che Seattle voglia fare i conti con l’incombente estensione di DK Metcalf. Perché essere un attacco run-first ma avere due ricevitori di fascia alta e nessun QB in franchising?

    Ma se i Packers sono aperti a colloqui di estensione, hanno bisogno sia di Metcalf che del capitale di leva per realizzarlo.

2 di 7

    Jeff Dean/Associated Press

    Dopo uno scambio con i Philadelphia Eagles, i New Orleans Saints stanno facendo riflettere alcuni dirigenti rivali sul round iniziale del draft 2022.

    E i Pittsburgh Steelers sono sicuramente una di quelle squadre.

    Pittsburgh ha firmato Mitch Trubisky in free agency, ma è improbabile che sarà il sostituto a lungo termine di Ben Roethlisberger. È più probabile che gli Steelers stiano pianificando che Trubisky o Mason Rudolph servano come opzione tampone per qualcun altro.

    New Orleansche ha bisogno anche di un QBora possiede la 16a e la 19a scelta assoluta. Se gli Steelers non sospettavano già che i Saints progettassero di arruolare un segnalatore, ora sembra inevitabile.

    Pittsburgh dovrebbe essere un buon candidato per concludere un accordo con i Minnesota Vikings (12°) o gli Houston Texans (13°).

3 di 7

    Jim McIsaac/Getty Images

    Per un’ottima ragione, la coppia di prime 10 scelte dei New York Jets ha attirato la maggior parte dell’attenzione. Sono in una posizione terribile per arruolare una prospettiva d’élite e acquisisci alcune selezioni in più se vengono scambiate dalla quarta o dalla decima scelta complessiva.

    Non dimenticare nemmeno il Round 2.

    Grazie allo scambio di Sam Darnold dell’anno scorso, i Jets detengono la scelta n. 35 e la posizione n. 38 dei Carolina Panthers. Sono in una posizione privilegiata per modificare anche l’ultima parte della serata di apertura.

    Se un accordo precedente per una posizione tra i primi 10 dovesse portare a un terzo round in più (o forse al quarto), New York potrebbe impacchettare quella selezioneuno che comunque non aveva all’inizio della bozzacon il numero 35 o 38 per tornare al primo round.

4 di 7

    Paul Sancya/Associated Press

    È già stata una bassa stagione impegnativa per i Kansas City Chiefs, e potrebbero avvicinarsi a un’altra mossa importante.

    Kansas City ha distribuito Tyreek Hill ai Miami Dolphins, che ha inviato la scelta numero 29 dei San Francisco 49ers ai Chiefs come parte dell’accordo di successo. Ciò ha messo Kansas City, che già possedeva la selezione n. 30, in slot back-to-back.

    E questo è solo l’inizio.

    Grazie allo scambio di Hill e a una scelta compensativa del terzo round, i Chiefs hanno due scelte al draft in quattro round consecutivi per iniziare il draft 2022. Kansas City ha una potenza di fuoco più che sufficiente per prendere di mira un posto tra i primi 20 e mantenere il n. 29 o 30.

5 di 7

    Jonathan Bachman/Getty Images

    New Orleans è tra le squadre più intriganti del draft 2022.

    Sebbene la necessità di un quarterback fosse ovvia, i Saints non erano nel territorio del QB privilegiato al numero 18. Tenere semplicemente la 16a scelta non cambia radicalmente quella percezione, ma avere un paio di selezioni al primo round lo fa.

    Dato che è avvenuto a spese di un primo turno del 2023 e del secondo turno del 2024, i Saints sono concentrati sulla vittoria ora in una NFC che ha una fascia media insignificante. Aspettarsi un importante scambio sembra sciocco, anche se è ancora possibile salire un po’ più in alto per il giusto giocatore a impatto immediato.

    Mettere in discussione ciò che New Orleans ha fatto è del tutto equo, considerando che il roster non è visto come un vero contendente NFC.

    Giusto o sbagliato, tuttavia, i Saints ci stanno provando. E potrebbero non essere ancora finiti.

6 di 7

    Michael Reaves/Getty Images

    Durante la ricostruzione, approfitta della bozza.

    Questa affermazione può sembrare ovvia, ma non si tratta solo di selezionare le prospettive giuste. Il valore di una scelta al draft da utilizzare è sempre superiore a un giocatore di livello sostitutivo nel roster.

    Sì, qualsiasi scelta è in definitiva come un biglietto della lotteria. Tuttavia, gli Houston Texans non sono in grado di vincere molto nel 2022. Possono permettersi di trascorrere un’offseason caricandosi di esordienti nella speranza di trovare alcuni giocatori che diventino pezzi fondamentali del futuro.

    Mantenere la scelta n. 3 per aggiungere un pezzo fondamentale è perfettamente valido, ma mettere in campo la migliore offerta per la selezione n. 13 è una strategia sia saggia che probabile per i texani.

7 di 7

    John Minchillo/Associated Press

    Come i loro residenti al MetLife Stadium, i New York Giants hanno un paio di selezioni nella top-10 al primo turno.

    Come abbiamo spiegato di recente, è una situazione ottimale per i G-Men con la quinta e la settima scelta. Forse i Falcons (ottavo) o Seahawks (nono) vogliono saltare i Panthers (sesto) per un QB. Forse una squadra diversa sta guardando un posto davanti ad Atlanta o Seattle. Questi sono solo due dei tanti scenari di trade-down.

    Ma i Giants possiedono anche uno spazio aggiuntivo nel terzo e nel quinto round. Nella migliore delle ipotesi, come una squadra NFC di livello medio, si stanno avvicinando al draft 2022 con la possibilità di dare priorità alla flessibilità futura.

    Grazie al capitale extra, i Giants possono scambiare in ribasso in uno qualsiasi dei primi tre round, hanno ancora scelte preziose quest’anno e aumentare ciò che è a loro disposizione il prossimo aprile.

    Inoltre, se Daniel Jones non apporta miglioramenti seri nel 2022, i Giants potrebbero comunque aver bisogno delle munizioni alla leva del 2023.

Leave a Comment