Hillary Clinton chiama Durham le affermazioni di “falso scandalo”

Se qualcuno conosce gli scandali, è Hillary Clinton.

L’ex first lady, senatrice, segretaria di stato e due volte candidata alla presidenza democratica ha finalmente risposto mercoledì al deposito della corte della scorsa settimana da parte del consigliere speciale John Durham, sostenendo che la sua campagna presidenziale del 2016 ha pagato la ricerca informatica per collegare l’allora candidato Donald Trump alla Russia.

“Trump & Fox stanno disperatamente inventando un falso scandalo per distrarre da quelli veri”, Clinton ha detto su Twitter. “Quindi è un giorno che finisce in Y. Più i suoi misfatti vengono smascherati, più mentono.

“Per chi fosse interessato alla realtà, ecco un bel sfatare le loro ultime sciocchezze”, ha concluso il post, allegando un link a un articolo di Vanity Fair intitolato: “Non ci crederai mai ma Hillary Clinton non ha, infatti, spiato La Casa Bianca di Trump”.

La Clinton ha rotto il silenzio un giorno dopo aver ignorato le domande del Post sulle affermazioni di Durham dopo che lei e sua figlia, Chelsea, erano in un ristorante del Queens.

Durham ha presentato venerdì documenti del tribunale in cui ha affermato che un avvocato della campagna elettorale di Clinton ha arruolato un dirigente tecnologico per aiutare a “estrarre” dati Internet da luoghi tra cui la Trump Tower e la Casa Bianca “per stabilire” un’inferenza “e una “narrativa” legando l’allora candidato Trump in Russia.”

L’ex segretario di Stato Hillary Clinton ha fatto riferimento a una storia di Vanity Fair su Twitter.
Twitter

I documenti depositati da Durham, nominato consigliere speciale dall’allora procuratore generale William Barr nel maggio 2019, hanno acceso una tempesta di critiche contro la campagna di Clinton e hanno portato a inviti a dare un’occhiata più da vicino alla gestione dell’indagine sulla Russia da parte dell’FBI, che era chiamato in codice “Crossfire Hurricane”.

Lo stesso Trump, che ha descritto le accuse come “più grandi del Watergate”, ha invitato martedì il Dipartimento di Giustizia a declassificare e rilasciare tutti i restanti documenti relativi alle affermazioni secondo cui la sua campagna era collusa con la Russia.

“Hanno l’ordine di declassificazione. E dovrebbero declassificarsi, assolutamente, soprattutto alla luce di ciò che è appena accaduto e di ciò che è stato appena rivelato”, ha detto a Fox News il 45° presidente.

Poi i candidati alla presidenza Donald Trump e Hillary Clinton si stringono la mano durante un dibattito in municipio a St. Louis, Missouri, il 9 ottobre 2016.
Hillary Clinton ha detto che “Trump & Fox” stanno promuovendo una storia falsa sulle accuse di spionaggio di John Durham.
Getty Images
Consigliere speciale John Durham
Il consigliere speciale John Durham ha accusato la campagna presidenziale di Hillary Clinton del 2016 di aver spiato l’allora candidato Donald Trump.
PAPÀ

Martedì, anche due senatori repubblicani – Ron Johnson del Wisconsin e Chuck Grassley dell’Iowa – hanno chiesto al Dipartimento di Giustizia di declassificare tutti i record delle indagini sulla Russia in sospeso. Rappresentante. Kevin McCarthy (R-Calif.), Il leader della minoranza della Camera, lo stesso giorno ha promesso di perseguire le scoperte di Durham se i repubblicani avessero ottenuto il controllo della Camera dopo le elezioni di medio termine di questo autunno.

“Le continue indagini del consigliere speciale John Durham sulla bufala della Russia sono essenziali per arrivare alla verità e proteggere la nostra democrazia”, ​​ha detto McCarthy in una dichiarazione a The Post.

“Democratici e media legacy potrebbero voler nascondere questo allarmante rapporto sotto il tappeto, ma se i repubblicani della Camera guadagneranno la maggioranza, useremo i nostri strumenti di supervisione per determinare se sono stati utilizzati fondi federali, se i titolari di cariche federali hanno abusato del loro potere e indagheremo su altri elementi inquietanti di questo schema di spionaggio per garantire che nulla di simile accada mai più”, ha aggiunto.

Chelsea Clinton è stata vista fuori dal Kusina Pinoy Bistro a Woodside, nel Queens, il 2 febbraio.  15, 2022.
Chelsea Clinton è stata vista fuori dal Kusina Pinoy Bistro a Woodside, nel Queens, il 2 febbraio. 15, 2022.
Paolo Martinka
Secondo quanto riferito, Hillary Clinton e sua figlia Chelsea hanno trascorso alcune ore all'interno del Kusina Pinoy Bistro per le riprese di un progetto sconosciuto.
Secondo quanto riferito, Hillary Clinton e sua figlia Chelsea hanno trascorso alcune ore all’interno del Kusina Pinoy Bistro per le riprese di un progetto sconosciuto.
Paolo Martinka

Durham ha affermato nel suo deposito venerdì che Michael Sussmann, un avvocato della campagna elettorale di Clinton, “ha raccolto e trasmesso” affermazioni spurie sull’Organizzazione Trump e sull’Alfa-Bank di Mosca “all’FBI per conto di almeno due clienti specifici, tra cui … la Clinton campagna.”

Sussmann è stato accusato di aver mentito a un agente federale e si è dichiarato non colpevole a settembre.

Secondo Durham, Sussmann ha detto all’allora consigliere generale dell’FBI James Baker nel settembre 2016 che non stava lavorando per conto della campagna di Clinton quando ha consegnato documenti che presumibilmente dettagliavano un presunto legame tra l’Organizzazione Trump e l’Alfa-Bank.

Poi i candidati alla presidenza Donald Trump e Hillary Clinton si stringono la mano durante un dibattito in municipio a St. Louis, Missouri, il 9 ottobre 2016.
Poi i candidati alla presidenza Donald Trump e Hillary Clinton si stringono la mano durante un dibattito in municipio a St. Louis, Missouri, il 9 ottobre 2016.
Getty Images
L'ex segretario di Stato americano Hillary Clinton
Hillary Clinton insiste di non aver mai spiato la campagna presidenziale di Donald Trump.
AFP tramite Getty Images

Sussmann si è quindi rivolto a una seconda agenzia, ritenuta essere la CIA, nel febbraio 2017 per consegnare una “serie aggiornata di accuse” sulla banca.

La squadra di difesa lunedì ha accusato Durham di aver iniettato “accuse pregiudizievoli – e false – irrilevanti per la sua mozione e per il reato accusato”. Gli avvocati di Sussmann hanno aggiunto che le affermazioni del consigliere speciale erano “chiaramente intese a politicizzare questo caso, infiammare la copertura mediatica e contaminare la giuria” e hanno anche contestato l’inferenza che la sorveglianza digitale da parte del team di Clinton fosse continuata dopo l’inaugurazione di Trump nel 2017.

Secondo loro, tutte le informazioni fornite da Sussmann risalgono a prima dell’ingresso di Trump alla Casa Bianca e Durham “trascura convenientemente il fatto che l’incontro di Sussmann con l’Agenzia-2 è avvenuto ben dopo le elezioni presidenziali del 2016, in un momento in cui la campagna Clinton aveva effettivamente cessato di esistere.”

L'ex segretario di Stato Hillary Clinton
L’ex segretario di Stato Hillary Clinton ha criticato il consigliere speciale John Durham per aver “inventato un falso scandalo” sulla sua fallita campagna presidenziale del 2016.
Agenzia Anadolu tramite Getty Images

Rappresentante obiettivo Jim Jordan (R-Ohio), il massimo repubblicano nella commissione giudiziaria della Camera, ha affermato durante il fine settimana che l’ultimo deposito dimostra l’affermazione di Trump secondo cui “c’era uno spionaggio in corso”.

“Era peggio di quanto pensassimo perché stavano spiando il presidente in carica degli Stati Uniti”, ha detto Jordan a “Fox & Friends” domenica. “E va dritto alla campagna di Clinton. Quindi Dio benedica John Durham”.

.

Leave a Comment