Gli ucraini arrivano al confine tra Texas e Messico chiedendo asilo

EL PASO — Gli ucraini in fuga dall’invasione della loro patria da parte delle forze russe e dalle successive atrocità hanno iniziato ad attraversare il confine tra Stati Uniti e Messico e ad arrivare nelle città di frontiera del Texas in cerca di asilo, affermano le organizzazioni di rifugiati al The Post.

Un gruppo di sei rifugiati è arrivato a El Paso dopo essersi recato dall’Ucraina ai Paesi Bassi prima di volare in Messico.

Il gruppo comprendeva Tatiana Soloshchuk, suo marito, i loro tre figli, un’altra madre e la sua giovane figlia. I Soloshchuk erano diretti nel Kentucky, mentre l’altra madre e il bambino erano diretti a Denver.

“Hanno trascorso quattro giorni in Messico”, ha detto l’amica di Soloshchuk, che ha tradotto le sue risposte alle domande del Post al telefono e ha rifiutato di fornire il suo nome. “Sono venuti attraverso il Messico perché è l’occasione più rapida per arrivare negli Stati Uniti”.

Come per i paesi dell’Unione Europea, gli ucraini non hanno bisogno di un visto per recarsi in Messico. Una volta che il gruppo di Tatiana è arrivato a Ciudad Juarez, in Messico, si è presentato al porto di ingresso internazionale di Paso Del Norte e si è messo in fila per presentare la domanda di asilo. Hanno aspettato per 20 ore, seduti fuori nel freddo della notte del deserto fino a quando non sono stati visti da un ufficiale della dogana e della protezione delle frontiere che ha concesso loro la libertà vigilata umanitaria.

“Sono tristi e con il cuore spezzato”, ha detto l’amico. “Erano spaventati per i loro suoni. Il più giovane ha l’asma. È andata male quando si sono nascosti nel seminterrato per i bombardamenti.

La famiglia ucraina Tatiana Soloshchuk, suo marito Taras e i loro tre figli dopo aver attraversato il ponte internazionale Paso del Norte negli Stati Uniti il ​​7 aprile 2022.
James Keivom per il New York Post
Taras Soloshchuk con suo figlio Zkhar e un'altra donna ucraina e sua figlia.
Taras Soloshchuk con suo figlio Zkhar e un’altra donna ucraina e sua figlia.
James Keivom per il New York Post
Il Soloshchuk si trasferirà in Kentucky dopo aver ricevuto assistenza da amici negli Stati Uniti.
I Soloshchuk si trasferiranno in Kentucky dopo aver ricevuto assistenza da amici negli Stati Uniti.
James Keivom per il New York Post

Dopo che gli amici del Kentucky si sono offerti di pagare il viaggio e di aiutarli a stabilirsi negli Stati Uniti, i Soloshchuks hanno deciso di andare, lasciando dietro di sé altri membri della famiglia e i propri cari.

“Molte famiglie (ucraine) vorrebbero venire negli Stati Uniti, ma non tutti possono fare il viaggio”, ha detto l’amica di Tatiana. “È solo grazie ai loro amici in Kentucky che possono permettersi di fare questo viaggio.”

I Soloschuck non sanno se rimarranno negli Stati Uniti o torneranno in Ucraina un giorno dopo la fine della guerra.

Le truppe ucraine camminano tra i carri armati russi distrutti a Bucha, in Ucraina, vicino a Kiev, il 3 aprile 2022.
AP Foto/Rodrigo Abd, File

“Per ora, vogliono che i loro figli possano tornare a scuola”, ha detto il loro amico. “Istruzione, libertà, sicurezza, questo è ciò che è importante in questo momento.”

I Soloschuck e il loro amico traduttore potevano dedicare solo cinque minuti a parlare prima che arrivasse un’auto. I loro amici del Kentucky avevano organizzato che la famiglia venisse prelevata dall’International Bridge di El Paso e portata all’aeroporto per l’ultima tappa del loro viaggio.

Il direttore dell’Annunciation House, Ruben Garcia, che gestisce il più grande centro di accoglienza per immigrati di El Paso, ha detto a The Post che il suo staff vede da due a otto ucraini al giorno.

Una madre e una figlia ucraine aspettano di attraversare il confine con gli Stati Uniti al porto di ingresso di San Ysidro a Tijuana, in Messico, il 5 aprile 2022.
Una madre e una figlia ucraine aspettano di attraversare il confine con gli Stati Uniti al porto di ingresso di San Ysidro a Tijuana, in Messico, il 5 aprile 2022.
Foto di Mario Tama/Getty Images
Tende di rifugiati ucraini a Tijuana il 5 aprile 2022.
Tende di rifugiati ucraini a Tijuana il 5 aprile 2022.
Foto di Mario Tama/Getty Images

“Stiamo vedendo solo un rivolo e non rimangono al rifugio a lungo”, ha detto Garcia.

A seicento miglia di distanza, a Laredo, il capitolo delle Carità Cattoliche della diocesi locale ha accolto al suo rifugio almeno 10 ucraini. Il direttore esecutivo Rebecca Solloa ha detto che coloro che vengono alla sua struttura arrivano dalla città di Monterrey, nel nord del Messico, a circa tre ore di auto a sud del confine.

“Guideranno [in] in taxi fino al ponte, e loro diranno: ‘Stiamo chiedendo asilo'”, ha detto. “[Customs agents] li farà scendere dalla macchina e li farà avanzare”.

I rifugiati ucraini aspettano di entrare negli Stati Uniti al porto di ingresso del passaggio pedonale Mexicali-Calexico West a Mexicali il 5 aprile 2022.
I rifugiati ucraini aspettano di entrare negli Stati Uniti al porto di ingresso del passaggio pedonale Mexicali-Calexico West a Mexicali il 5 aprile 2022.
REUTERS/Victor Medina
Una linea di ucraini si è radunata a Mexicali prima di chiedere asilo negli Stati Uniti.
Una linea di ucraini si è radunata a Mexicali prima di chiedere asilo negli Stati Uniti.
REUTERS/Victor Medina

Il conteggio dei rifugi non è ufficiale e il numero reale di coloro che attraversano il confine è probabilmente più alto, dal momento che molti richiedenti asilo ucraini aggirano completamente i rifugi per immigrati quando arrivano.

L’amministrazione Biden ha annunciato il mese scorso che avrebbe accolto 100.000 rifugiati ucraini sfollati a causa della guerra.

Il Dipartimento per la sicurezza interna non ha risposto alle richieste del Post di informazioni sul numero di rifugiati ucraini. Il Wall Street Journal ha riferito il mese scorso che più di 10.000 ucraini hanno visitato il Messico come turisti nei primi due mesi di quest’anno e i funzionari ritengono che la maggior parte di quel numero alla fine si dirigerà negli Stati Uniti.

.

Leave a Comment