Gli assassini di Ahmaud Arbery sono stati giudicati colpevoli a tutti gli effetti nel processo federale per crimini ispirati dall’odio

Wanda Cooper-Jones si rivolge ai media fuori dal tribunale federale di Brunswick, in Georgia, martedì. (Lewis Levine/AP)

Parlando fuori dal tribunale dopo l’annuncio del verdetto, Wanda Cooper-Jones, madre di Ahmaud Arbery, ha chiamato il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per aver inizialmente accettato di accettare un patteggiamento dagli assassini di suo figlio nella corte federale.

“Ora voglio rivolgermi ai membri del Dipartimento di Giustizia. Sono molto grato che voi ragazzi abbiate portato queste accuse di crimini ispirati dall’odio, ma il 31 gennaio avete accettato un patteggiamento con questi tre assassini che hanno tolto la vita a mio figlio”, disse Cooper Jones.

Cooper-Jones ha continuato: “[Arbery’s father] Marcus e due delle zie di Ahmaud si presentarono davanti ai tribunali e implorarono il giudice di non accettare un patteggiamento. Che il Dipartimento di Giustizia, quel Dipartimento di Giustizia sia andato davanti al giudice e abbia chiesto loro di fare un patteggiamento con questi ragazzi”.

Cooper-Jones ha detto di aver parlato con i pubblici ministeri del Dipartimento di Giustizia e di “averli implorati” di non accettare il patteggiamento nel caso.

“Hanno ignorato il mio grido. Li ho implorati. Anche dopo che la famiglia si è presentata davanti al giudice e ha chiesto loro, ha chiesto al giudice di non accettare questo patteggiamento, il procuratore capo, Tara Lyons, si è alzato e ha chiesto al giudice di ignorare il grido della famiglia . Non è giustizia per Ahmaud.”

La madre di Arbery ha detto che il verdetto di oggi non sarebbe avvenuto “se non fosse stato per la lotta che la famiglia ha organizzato”.

“Quello che il Dipartimento di Giustizia ha fatto oggi, è stato creato per farlo oggi. Non è stato per quello che voleva fare. Sono stati fatti per fare il loro lavoro oggi”.

Un po’ di contesto in più: A gennaio 31, un giudice federale ha respinto il patteggiamento raggiunto dai pubblici ministeri e Travis McMichael con l’accusa di crimini ispirati dall’odio, un accordo che avrebbe precluso il suo processo federale per l’omicidio di Arbery.

McMichael aveva accettato di dichiararsi colpevole di un’unica accusa di crimine d’odio – interferenza con i diritti – in cambio di pubblici ministeri che raccomandavano di scontare 30 anni in una prigione federale.

Secondo l’accordo, McMichael, 36 anni, sarebbe stato trasferito da una prigione di stato alla custodia federale.

Dopo aver completato la sentenza federale, sarebbe stato riportato in Georgia per finire la sua condanna all’ergastolo senza condizionale. Cinque di quegli ultimi anni sarebbero stati contati per il suo rilascio controllato dalla prigione federale.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Lisa Godbey Wood ha affermato di non essere a suo agio con le linee guida sulla condanna.

Dopo che il patteggiamento è stato respinto, McMichael e suo padre, Gregory McMichael, hanno cambiato le loro dichiarazioni da colpevoli a non colpevoli.

La madre di Arbery, Wanda Cooper-Jones, è stata indignata dall’accordo proposto e ha detto di sentirsi tradita dagli avvocati del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Ha detto alla corte che un giudice statale ha dato ai McMichael esattamente ciò che meritano – l’ergastolo – e ha esortato Wood a non accettare la richiesta federale.

“Per favore ascoltami”, ha detto Cooper-Jones al giudice. “Concedere a questi uomini le loro condizioni di reclusione preferite mi sconfiggerebbe. Dà loro un’ultima possibilità di sputarmi in faccia dopo aver ucciso mio figlio”.

S. Lee Merritt, avvocato della madre di Arbery, in precedenza aveva definito la prigione federale “un country club rispetto alla prigione statale”, affermando che le strutture sono meno popolate, hanno finanziamenti migliori e sono “generalmente più accomodanti” delle strutture statali, secondo i tweet dal suo conto.

La famiglia Arbery era dispiaciuta che i pubblici ministeri avessero accettato l’accordo senza il consenso della famiglia, ha detto Merritt alla CNN.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato di aver rispettato la decisione della corte di non accettare il patteggiamento, ha detto l’assistente del procuratore generale Kristen Clarke, ma ha aggiunto in una dichiarazione che i pubblici ministeri “hanno stipulato il patteggiamento solo dopo che gli avvocati delle vittime mi hanno informato che la famiglia non era contraria a esso.”

.

Leave a Comment