Funzionari: 300 morti in un attacco aereo sul teatro di Mariupol

KHARKIV, Ucraina (AP) — Circa 300 persone sono morte in un attacco aereo russo la scorsa settimana in un teatro utilizzato come rifugio antiaereo nella città ucraina assediata di Mariupol, ha detto venerdì il governo della città, citando testimoni oculari.

Quando il teatro è stato colpito il 16 marzo, un’enorme iscrizione con la scritta “BAMBINI” è stata affissa all’esterno in russo, destinata ad essere visibile dai cieli sopra.

Non è stato immediatamente chiaro se i soccorritori avessero finito di scavare nel sito o come i testimoni oculari fossero arrivati ​​all’orribile bilancio delle vittime. Subito dopo l’attacco aereo, Ludmyla Denisova, commissaria per i diritti umani del parlamento ucraino, ha affermato che più di 1.300 persone si erano rifugiate nell’edificio.

Mariupol è stata teatro di alcune delle peggiori devastazioni della guerra, che ha visto la Russia assediare e prendere a pugni incessantemente le città dell’Ucraina. La miseria dentro di loro è tale che quasi chiunque può sta cercando di andarsene e coloro che sono rimasti indietro devono affrontare una disperata carenza di cibo in un paese un tempo conosciuto come il granaio del mondo.

Nella città bombardata di Kharkiv, per lo più donne anziane sono venute a raccogliere cibo e altre forniture urgenti. Nella capitale Kiev, le ceneri dei morti si stanno accumulando nel crematorio principale perché tanti parenti se ne sono andati, lasciando le urne non reclamate.

Per i civili incapaci di unirsi alla marea di profughi dall’Ucraina, i giorni di abbondanza nel paese stanno diventando solo un ricordo sbiaditomentre la guerra si riduce a un secondo mese.

Con i soldati ucraini che combattono la forza d’invasione russa fino a raggiungere una situazione di stallo in molti luoghi e il presidente esortando le persone a rimanere saldi, gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno annunciato una mossa per spremere ulteriormente la Russia: una nuova partnership per ridurre la fare affidamento sull’energia russa e spremere lentamente i miliardi di dollari che il Cremlino ottiene dalle vendite di combustibili fossili.

Miniatura del video di Youtube

In Ucraina, la guerra per i civili affamati viene sempre più contata in preziose porzioni di cibo e il blocco di formaggio ora fa molta strada.

Tremando per l’attesa, una giovane ragazza di Kharkiv questa settimana ha osservato attentamente il coltello di un volontario tagliare una gigantesca lastra di formaggio, ritagliando fette spesse, una per ogni persona affamata che aspetta stoicamente in fila.

Hanna Spitsyna si è occupata di dividere la consegna degli aiuti alimentari dalla Croce Rossa ucraina, distribuendoli ai suoi vicini. Ciascuno riceveva un pezzo di formaggio che veniva tagliato sotto lo sguardo attento del bambino, lasciato cadere pezzo per pezzo in sacchetti di plastica che le persone in fila tenevano aperte come bocche affamate.

“Ci hanno portato aiuti, ci hanno portato aiuti per le donne anziane che sono rimaste qui”, ha detto Spitsyna. “Tutte queste persone hanno bisogno di pannolini, coperte e cibo”.

Incapaci di spazzare con velocità fulminea a Kiev, il loro obiettivo apparente il 1 febbraio Il 24 quando il Cremlino ha lanciato la guerra, le forze russe stanno invece facendo piovere proiettili e missili sulle città da lontano.

La periferia di Kharkiv è stata avvolta da un fumo nebbioso venerdì, con continui bombardamenti sin dalle prime ore del mattino. In un ospedale cittadino sono arrivati ​​diversi soldati feriti, con ferite da proiettili e da schegge, il giorno dopo che i medici avevano curato una dozzina di civili. Anche se i medici hanno stabilizzato il caso più grave, nel reparto di chirurgia si è potuto sentire il suono dei bombardamenti.

L’esercito russo ha affermato venerdì di aver distrutto un’enorme base di carburante ucraina utilizzata per rifornire le difese della regione di Kiev, con navi che sparavano una salva di missili da crociera, secondo l’agenzia di stampa Interfax. I video sui social media hanno mostrato un’enorme esplosione di palle di fuoco vicino alla capitale.

Per i civili, la miseria è diventata inesorabile. Kiev, come altre città, ha visto la sua popolazione ridursi drasticamente nella vasta crisi dei rifugiati che ha visto più di 10 milioni di sfollati e almeno 3,5 milioni di fuggire completamente dal Paese. Nella capitale sono morti oltre 260 civili e più di 80 edifici sono stati distrutti dall’inizio della guerra.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha esortato il suo paese a mantenere la sua difesa militare e a non fermarsi “nemmeno per un minuto”. Zelenskyy ha usato il suo discorso video notturno di giovedì per radunare gli ucraini affinché “andare verso la pace, andare avanti”.

“Con ogni giorno della nostra difesa, ci stiamo avvicinando alla pace di cui abbiamo tanto bisogno. … Non possiamo fermarci nemmeno per un minuto, perché ogni minuto determina il nostro destino, il nostro futuro, se vivremo”. Ha detto che migliaia di persone, tra cui 128 bambini, sono morte nel primo mese di guerra. In tutto il Paese sono state distrutte 230 scuole e 155 asili. Città e villaggi “giacciono in cenere”, ha detto.

In un vertice NATO di emergenza a Bruxelles giovedì, Zelenskyy ha supplicato gli alleati occidentali tramite video per aerei, carri armati, razzi, sistemi di difesa aerea e altre armi, dicendo che il suo paese sta “difendendo i nostri valori comuni”.

In un video discorso ai leader dell’UE, nel frattempo, Zelenskyy li ha ringraziati per aver collaborato per sostenere l’Ucraina e imporre sanzioni alla Russia, inclusa la decisione della Germania di impedire alla Russia di fornire gas naturale all’Europa attraverso il nuovo gasdotto Nord Stream 2. Ma si è lamentato del fatto che questi passi non fossero stati presi prima, dicendo che c’era una possibilità che la Russia ci avesse pensato due volte prima di invadere.

Mentre milioni di ucraini sono fuggiti a ovest, l’Ucraina accusa Mosca di aver rimosso con la forza milioni di migliaia di civili dalle città distrutte alla Russia per fare pressione su Kiev affinché si arrendesse. Lyudmyla Denisova, difensore civico dell’Ucraina, ha affermato che 402.000 persone, inclusi 84.000 bambini, sono state portate contro la loro volontà in Russia, dove alcune potrebbero essere usate come “ostaggi” per fare pressione su Kiev affinché si arrendesse.

Il Cremlino ha fornito numeri quasi identici per coloro che sono stati trasferiti, ma ha affermato che provenivano dalle regioni prevalentemente di lingua russa di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale e volevano andare in Russia. I separatisti pro-Mosca combattono per il controllo da quasi otto anni in quelle regioni, dove molte persone hanno sostenuto stretti legami con la Russia.

In altri sviluppi:

— A Chernihiv, dove un attacco aereo questa settimana ha distrutto un ponte cruciale, un funzionario cittadino, Olexander Lomako, ha affermato che si sta verificando una “catastrofe umanitaria” mentre le forze russe prendono di mira i depositi di cibo. Ha detto che circa 130.000 persone sono rimaste nella città assediata, circa la metà della sua popolazione prebellica.

—La Russia ha dichiarato che offrirà un passaggio sicuro a partire da venerdì a 67 navi provenienti da 15 paesi stranieri che sono bloccate nei porti ucraini a causa del pericolo di bombardamenti e mine.

—Le forze russe hanno sparato due missili giovedì scorso contro un’unità militare ucraina alla periferia di Dnipro, la quarta città più grande del paese, hanno detto i servizi di emergenza regionali. Gli scioperi hanno distrutto edifici e provocato due incendi, ha detto. Il numero di morti e feriti non era chiaro.

—Con gli Stati Uniti e altri che espandono le sanzioni contro la Russia, Mosca ha inviato un segnale che le misure non l’hanno messa in ginocchio, riaprendo il mercato azionario ma consentendo solo scambi limitati per prevenire vendite di massa. Agli stranieri era vietato vendere e ai commercianti era vietato vendere allo scoperto, altrimenti i prezzi delle scommesse sarebbero diminuiti.

— L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato che le autorità ucraine hanno riferito che i bombardamenti russi impediscono la rotazione dei lavoratori dentro e fuori la centrale nucleare di Chernobyl. Ha affermato che le forze russe hanno bombardato i posti di blocco ucraini nella città di Slavutych, sede di molti lavoratori nucleari di Chernobyl, “mettendoli a rischio e impedendo un’ulteriore rotazione del personale da e verso il sito”.

Nel frattempo, Kiev e Mosca hanno fornito resoconti contrastanti sul trasferimento delle persone in Russia e sul fatto che stessero andando volontariamente – come affermato dalla Russia – o fossero state costrette o mentite.

Il colonnello russo gen. Mikhail Mizintsev ha detto che le circa 400.000 persone evacuate in Russia hanno ricevuto alloggio e pagamenti e hanno lasciato volontariamente l’Ucraina orientale.

Gol Regione di Donetsk Governatore Pavlo Kyrylenko ha affermato che “le persone vengono spostate con la forza nel territorio dello stato aggressore”.

Tra le vittime, accusato dal ministero degli Esteri ucraino, c’erano 6.000 residenti di Mariupol, la devastata città portuale nell’est del Paese.

Kyrylenko ha affermato che i residenti di Mariupol sono stati a lungo privati ​​delle informazioni e che i russi nutrono loro false affermazioni sulle sconfitte dell’Ucraina per convincerli a trasferirsi in Russia.

“Le bugie russe possono influenzare coloro che sono stati sotto assedio”, ha detto.

___

Qena ha riferito da Kiev, Ucraina. I giornalisti dell’Associated Press di tutto il mondo hanno contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura dell’AP sulla guerra su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

.

Leave a Comment