Fonti: 19 agenti di polizia di Austin incriminati in un’indagine di protesta

AUSTIN, Texas (AP) – Un gran giurì del Texas ha incriminato 19 agenti di polizia di Austin con l’accusa di aggressione aggravata con un’arma mortale per le loro azioni durante le proteste del 2020 per l’ingiustizia razziale che si è diffusa a livello nazionale in seguito all’uccisione di George Floyd, secondo persone che hanno familiarità con il questione.

Diverse persone hanno parlato giovedì con l’Associated Press in condizione di anonimato perché non erano autorizzate a discutere il caso pubblicamente.

Si colloca tra le più incriminazioni contro un singolo dipartimento di polizia negli Stati Uniti per le tattiche utilizzate dagli agenti durante le proteste diffuse, metodi che hanno portato alle dimissioni o alla cacciata di diversi capi di polizia in tutto il paese.

La notizia delle accuse è arrivata poche ore dopo che i leader della città di Austin hanno approvato il pagamento di 10 milioni di dollari a due persone ferite dalla polizia nelle proteste, incluso uno studente universitario che ha subito danni cerebrali dopo che un agente gli ha sparato con un beanbag.

Insieme, gli annunci hanno portato il capitale liberale del Texas a intraprendere alcune delle sue più grandi azioni mentre la critica ribolle ancora sulla gestione delle proteste, il che ha intensificato la pressione sull’allora capo della polizia Brian Manley affinché alla fine si dimettesse.

Jose Garza, il procuratore distrettuale della contea di Travis, che include Austin, ha parlato con i giornalisti giovedì pomeriggio dell’indagine del gran giurì, ma non ha fornito dettagli al riguardo, compresi quanti agenti devono affrontare accuse e per quali crimini.

“La nostra comunità è più sicura quando la nostra comunità si fida dell’applicazione. Quando crede che le forze dell’ordine seguano quella legge e proteggano le persone che vivono qui”, ha detto Garza. “Non può esserci fiducia se non c’è responsabilità quando le forze dell’ordine infrangono la legge”.

Ken Cassidy, il presidente della Austin Police Association, ha affermato che “numerosi agenti” sono stati incriminati ma che non era sicuro del numero totale di accuse.

Cassidy ha definito la mossa “devastante” per le forze dell’ordine cittadine, ma ha anche detto di essere sicuro che nessun ufficiale sarà condannato. Ha criticato Garza, definendo l’indagine motivata politicamente.

“DA Garza ha funzionato su una piattaforma per incriminare gli agenti di polizia e non ha perso l’opportunità di rovinare vite e carriere semplicemente per mantenere una promessa elettorale”, ha detto Cassidy.

Garza ha detto che il suo ufficio persegue chiunque causi danni “indipendentemente da chi lo causa”.

Gli insediamenti approvati giovedì sono tra i più grandi pagati alle persone che sono state ferite dalla polizia negli Stati Uniti durante le massicce proteste seguite alla morte di Floyd.

Il più grande degli insediamenti di Austin regala 8 milioni di dollari a Justin Howell, che aveva 20 anni quando la polizia gli sparò con un beanbag round. I membri della famiglia hanno detto all’AP in seguito all’incidente che Howell ha subito una frattura al cranio e danni cerebrali, lasciandolo in condizioni critiche per diversi giorni.

La città pagherà anche 2 milioni di dollari ad Anthony Evans, che aveva 26 anni quando un agente di polizia di Austin gli ha sparato con un sacco di fagioli in un incidente separato, che ha portato a cure mediche estese alla sua mascella.

Il sindaco di Austin Steve Adler ha affermato che gli insediamenti “ci ricordano un momento davvero difficile e doloroso nella nostra città”. Un rappresentante della famiglia Howell non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

È l’ultima riflessione su come, a due anni dalle proteste che hanno colpito il Paese, le città stanno ancora affrontando le ferite e le tattiche utilizzate dalla polizia. All’inizio di questo mese, i pubblici ministeri hanno annunciato accuse contro due agenti di polizia di Dallas accusato di aver ferito i manifestanti dopo aver sparato munizioni meno letali.

Dopo le proteste ad Austin, Manley in seguito disse che Howell non era l’obiettivo previsto dopo un alterco tra la folla, che secondo lui coinvolgeva persone che lanciavano oggetti contro una linea di ufficiali. Le autorità hanno affermato che ciò ha portato gli ufficiali a sparare contro la massa dei manifestanti dall’alto.

David Frost, che ha filmato i momenti successivi alla sparatoria di Howell, ha detto all’AP di aver visto manifestanti lanciare sassi grandi come un pugno e bottiglie d’acqua contro la linea della polizia su un cavalcavia. Poi vide Howell cadere. Stava sanguinando pesantemente ed è andato in un attacco, ha detto Frost in quel momento.

Il video di Frost mostra che mentre i volontari medici hanno spostato Howell in un luogo sicuro, gli agenti hanno aperto di nuovo il fuoco verso di loro.

Gli insediamenti sono il secondo e il terzo pagamento concessi tra una dozzina di cause intentate ad Austin che hanno riportato ferite dalle proteste. All’inizio di questo mese, l’Austin American-Statesman ha riferito che un accordo di $ 150.000 è stato approvato per una donna di nome Ariana Chavez, che è stata colpita alla testa con munizioni meno letali provocando una commozione cerebrale.

Almeno 19 persone sono state ricoverate in ospedale ad Austin in seguito alle proteste. Il dottor Kristofor Olson ha detto all’AP che lui era in servizio al pronto soccorso del Dell Seton Medical Center di Austin quando sono arrivati ​​i pazienti, di età compresa tra 16 e 54 anni. Ha detto di essere rimasto scioccato dal volume di persone che sono arrivate con ferite da sacco a sacco entrambe le sere a fine maggio.

Undici ufficiali sono stati disciplinati per le loro azioni durante le proteste di inizio estate, con sette agenti aggiuntivi incaricati dell’amministrazione.

___

Bleiberg ha riferito da Dallas.

.

Leave a Comment