Esclusiva: gli Stati Uniti annullano i colloqui con i talebani sull’inversione a U sull’istruzione delle ragazze

Una studentessa afgana legge il suo libro all’interno di una casa a Kabul, Afghanistan, 23 marzo 2022. REUTERS/Charlotte Greenfield

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

  • Funzionari statunitensi si ritirano dall’incontro di Doha con i talebani
  • Colloqui visti come la chiave per allentare la crisi economica afgana
  • La decisione è arrivata dopo l’inversione a U dei talebani sull’istruzione delle ragazze

KABUL/WASHINGTON, 25 marzo (Reuters) – Gli Stati Uniti hanno annullato bruscamente gli incontri con i talebani a Doha che avrebbero dovuto affrontare questioni economiche chiave, hanno affermato venerdì i funzionari, dopo che i governanti islamisti dell’Afghanistan hanno revocato la decisione di consentire a tutte le ragazze di tornare in alto classi scolastiche.

L’annullamento dei colloqui è stato il primo segno concreto del fatto che le recenti mosse talebane in materia di diritti umani e inclusività potrebbero avere un impatto diretto sulla volontà della comunità internazionale di aiutare il gruppo, alcuni dei cui leader sono soggetti alle sanzioni statunitensi.

“La loro decisione è stata un’inversione profondamente deludente e inspiegabile degli impegni nei confronti del popolo afgano, in primis, e anche nei confronti della comunità internazionale”, ha detto a Reuters un portavoce del Dipartimento di Stato americano.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

“Abbiamo annullato alcuni dei nostri impegni, compresi gli incontri programmati a Doha, e abbiamo chiarito che consideriamo questa decisione come un potenziale punto di svolta nel nostro impegno”.

Tre fonti che hanno familiarità con la questione hanno detto a Reuters che la serie di incontri tra i funzionari dell’amministrazione statunitense e talebana si sarebbero tenuti a margine di una conferenza nella capitale del Qatar sabato e domenica.

Alcuni degli incontri avrebbero dovuto includere rappresentanti delle Nazioni Unite e della Banca mondiale, hanno aggiunto le fonti.

Un portavoce del ministero degli Esteri afgano ha confermato che una delegazione talebana, compreso il ministro degli esteri ad interim, si aspettava di andare a Doha.

I colloqui sono stati progettati per coprire questioni tra cui l’indipendenza della banca centrale afgana e la stampa di banconote in valuta afgana.

In discussione c’era anche una struttura di scambio umanitario per liberare contanti e centinaia di milioni di dollari di finanziamenti attualmente detenuti in un Fondo fiduciario della Banca mondiale che è stanziato per il settore dell’istruzione in Afghanistan, secondo le tre fonti.

Hanno rifiutato di essere nominati perché non erano autorizzati a parlare con i media.

“Il jet del Qatar che doveva raccogliere la delegazione di Muttaqi a Kabul non si è presentato”, ha detto una fonte diplomatica, riferendosi al ministro degli Esteri ad interim Amir Khan Muttaqi.

L’ufficio comunicazioni del governo del Qatar non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

CONSEGUENZE ‘TRAGICHE’

La mossa mostra i venti contrari che l’amministrazione talebana deve affrontare nell’accesso agli aiuti esteri e nella liberazione del settore bancario. La carenza di valuta forte ha alimentato l’inflazione e aggravato la crisi economica.

I talebani non sono stati inoltre in grado di accedere a miliardi di dollari in riserve estere detenute all’estero poiché i governi, compresi gli Stati Uniti, si rifiutano di riconoscerle pienamente.

Oltre al sistema finanziario paralizzato, il forte calo dei fondi per lo sviluppo, che un tempo ammontavano a miliardi di dollari e aiutavano il governo afghano a funzionare, ha esacerbato la carenza di cibo e la povertà.

Circa 23 milioni di persone soffrono di fame acuta e il 95% della popolazione non mangia abbastanza, secondo le Nazioni Unite.

Washington ei suoi alleati hanno insistito sul fatto che i talebani, che l’ultima volta che hanno governato hanno bandito le ragazze da scuola e la maggior parte delle donne dal lavoro, migliorino la loro situazione in materia di diritti umani.

I talebani, che hanno combattuto un’insurrezione che ha rovesciato il governo appoggiato dall’Occidente lo scorso agosto, sono stati anche accusati di sopprimere la libertà di parola, di aver interrotto violentemente le proteste e di vendicarsi mortalmente dei loro ex nemici.

Il gruppo afferma che onorerà i diritti di tutti nella sua interpretazione della legge islamica e ha promesso di indagare su specifiche accuse di abuso.

I talebani mercoledì hanno fatto marcia indietro rispetto al loro precedente impegno di aprire le scuole superiori alle ragazze, dicendo che sarebbero rimaste chiuse fino a quando non fosse stato elaborato un piano per la loro riapertura.

L’inversione di marcia ha scioccato molti, lasciando gli studenti in lacrime e scatenando piccole proteste da parte delle ragazze di Kabul. Ha anche attirato la condanna delle agenzie umanitarie e dei governi stranieri. Per saperne di più

“Si stanno decisamente sparando ai piedi”, ha detto Graeme Smith, consulente senior dell’International Crisis Group, della decisione sull’istruzione delle ragazze.

Questo mese si terrà un importante vertice dei donatori per gli aiuti umanitari, ospitato dalla Gran Bretagna, nel tentativo di aiutare a raccogliere 4,4 miliardi di dollari in finanziamenti che le Nazioni Unite affermano di aver bisogno di soddisfare i bisogni urgenti nel paese.

Diplomatici e gruppi umanitari temono che la guerra in Ucraina, unita alla decisione dei talebani sull’istruzione femminile, renderà più difficile raccogliere i fondi.

“La decisione è comprensibile”, ha detto John Sifton di Human Rights Watch a proposito della mossa degli Stati Uniti. “Gli Stati Uniti e altri donatori devono comunicare ai talebani che le loro azioni sono inaccettabili”.

“Allo stesso tempo, la cancellazione di questo importante incontro è tragica… L’economia afgana è crollata e milioni di persone stanno affrontando una grave malnutrizione. Le persone muoiono di fame ogni giorno”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Andrew Mills a Doha e Humeyra Pamuk a Washington; Montaggio di Mike Collett-White

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment