Eric Adams ammette che Corey Johnson gli ha fatto pressioni sulla scappatoia del vaccino Kyrie-Nets

Il sindaco Eric Adams ha ammesso venerdì di aver ricevuto pressioni dall’ex presidente del consiglio comunale Corey Johnson per conto dei Brooklyn Nets prima di concedere esenzioni dal mandato del vaccino contro il COVID-19 della città agli atleti locali, inclusa la loro star Kyrie Irving.

“Corey ha contattato, ha affermato chiaramente che stava parlando a nome dei Nets quando ha contattato”, ha detto Adams.

“Ho ricevuto chiamate da persone contrarie e pro. Succede in città”.

Le osservazioni di Adams, durante una conferenza stampa non correlata a Brooklyn, hanno annullato la sua smentita giovedì di aver ricevuto pressioni prima della sua mossa controversa, che è stata presa di mira dai newyorkesi regolari, dai sindacati municipali della città, dai comitati editoriali e persino da alcuni colleghi democratici. incluso il presidente del Consiglio Adrienne Adams (D-Queens), che ha sostituito Johnson.

“Non ho ricevuto pressioni”, ha affermato Adams giovedì.

“Parlavo con entrambe le squadre della città, come faccio sempre come sindaco sulle diverse questioni. Ho sentito tutte le parti e poi ho preso la decisione finale”.

Adams ha tenuto la sua conferenza stampa giovedì al Citi Field nel Queens, che ospita i Mets e dove è stato circondato da dirigenti sia degli Amazins che degli Yankees.

Adams ha negato venerdì che gli sforzi di lobbying di Corey Johnson abbiano influenzato il suo pensiero riguardo all’ordine che ha firmato giovedì.
Paolo Martinka

La scelta del luogo ha sollevato le sopracciglia perché il proprietario miliardario dei Mets, Steve Cohen, ha donato 1,5 milioni di dollari al PAC del sindaco per le elezioni dello scorso anno.

I registri della città mostrano che la società di Johnson, Cojo Strategies, è stata assunta il 12 febbraio. 8 per $ 18.000 al mese da B-Cubed Holdings del consigliere generale di Nets Jeff Gewirtz per fare pressioni su Adams e sui principali aiutanti del municipio riguardo a un ordine esecutivo sulla politica sanitaria.

Adams ha negato venerdì che gli sforzi di lobbying di Johnson, segnalati per la prima volta da Politico, abbiano influenzato il suo pensiero riguardo all’ordine che ha firmato giovedì.

“Ho detto: Corey, come qualsiasi altra persona, mi baserò su ciò che affermano i miei medici”, ha detto.

“E quindi, i pensieri del Consiglio comunale, i pensieri degli altri, è comprensibile. Otto virgola otto milioni di persone, 35 milioni di opinioni, capisci? Ci sono cose che l’oratore del Consiglio Comunale farà, su cui non sono d’accordo”.

Ha aggiunto: “Ma lei ha un ruolo di consiglio comunale, io ho un ruolo di sindaco”.

Adams ha negato venerdì che gli sforzi di lobbying di Johnson abbiano influenzato il suo pensiero riguardo all'ordine che ha firmato giovedì.
Adams ha parlato al Citi Field questa settimana del cambiamento.
Paolo Martinka

In risposta alle domande di The Post, Adams ha anche negato che il suo ordine equivalga a un doppio standard in base al quale gli atleti altamente pagati possono guadagnarsi da vivere senza essere vaccinati mentre i newyorkesi regolari rimangono soggetti al mandato.

“Nessun doppio standard”, ha detto Adams.

“Ho preso una decisione in base alle informazioni che ho ricevuto dal mio team sanitario e ho l’obbligo di prendere quelle decisioni su come far progredire la mia città”.

Adams ha aggiunto: “Sono chiaro che prenderò le decisioni per la città di New York come sindaco e ho preso questa determinazione nell’ambito del potere conferito a me come sindaco della città di New York”.

.

Leave a Comment