Dopo la morte di Young, il mondo politico dell’Alaska si prepara a un cambiamento radicale ea una maratona elettorale

I politici dell’Alaska, i funzionari elettorali e il personale del Congresso si sono affrettati lunedì ad adattarsi a uno dei più grandi cambiamenti nel panorama politico dello stato in mezzo secolo: la morte del rappresentante GOP degli Stati Uniti. Don Young.

Young, che aveva 88 anni, è stato l’unico membro del Congresso dell’Alaska per 49 anni. E la sua morte inaspettata venerdì ha sollevato un groviglio di domande a cui inizieranno a trovare risposta questa settimana.

Tra questi: quanto tempo ci vorrà prima che Young venga sostituito? Chi garantirà nel frattempo che gli interessi dell’Alaska siano rappresentati al Congresso? E chi parteciperà alle gare per occupare il posto, sia temporaneamente che per il prossimo biennio?

“Chiunque valga il suo sale sta pianificando lo scenario in questo momento, per capire chi c’è dentro e cosa significa”, ha affermato Chris Constant, un democratico che ha lanciato la sua campagna alla Camera degli Stati Uniti il ​​mese scorso.

Nelle interviste lunedì, molti politici e osservatori politici dell’Alaska hanno affermato di essere cauti nel discutere la corsa per sostituire Young troppo rapidamente e hanno aggiunto che l’attenzione nei prossimi giorni dovrebbe essere sull’eredità del membro del Congresso.

Ma dietro le quinte, i telefoni squillavano senza problemi. E il governatore L’amministrazione di Mike Dunleavy si stava affrettando a capire come portare a termine l’erculeo compito di organizzare tre elezioni, utilizzando un nuovo sistema di voto, entro i prossimi cinque mesi: una primaria speciale e regolare e un generale speciale.

[Alaska Rep. Don Young will lie in state at U.S. Capitol]

I rappresentanti di campagne, gruppi di interesse e partiti politici hanno affermato che stanno pianificando intensi sforzi per educare gli elettori sul nuovo sistema elettorale, che include due elementi non testati in Alaska: un’elezione primaria apartitica, tra le prime quattro e un’elezione generale che utilizza un processo chiamato classificato -voto a scelta.

“Penso che ci sia un’enorme confusione là fuori su ciò che sta per accadere”, ha affermato Lindsay Kavanaugh, direttore esecutivo del Partito Democratico dell’Alaska. “E questo è assolutamente nelle nostre menti.”

Lunedì i funzionari delle elezioni statali hanno rifiutato le richieste di interviste e i dettagli sui loro piani.

[Alaska’s first ranked-choice election will be a special vote to replace Rep. Don Young]

Gol Governatore Mike Dunleavy e altri funzionari hanno delineato un programma preliminare in una teleconferenza domenicale con i legislatori, secondo più partecipanti.

Secondo il piano provvisorio, le elezioni primarie speciali si terranno l’11 giugno e le elezioni generali speciali si svolgeranno il 18 agosto. 16 — la stessa data delle elezioni primarie regolari dello stato.

Il vincitore delle elezioni generali speciali potrebbe essere insediato al Congresso all’inizio di settembre, anche se le date e le tempistiche potrebbero cambiare prima dell’annuncio ufficiale di Dunleavy, che è previsto martedì.

[Gruff, warm, combustible, shrewd: For 49 years, Don Young’s ideology was ‘Alaska’]

A causa del breve lasso di tempo per organizzare e tenere le primarie speciali a giugno, la Divisione Elettorale prevede di condurre elezioni per posta, che la legge statale consente con voti speciali. Ogni elettore registrato dell’Alaska riceveva una scheda elettorale per posta, un processo simile a quello utilizzato da Anchorage per le sue elezioni locali.

I residenti possono ancora votare di persona in un numero selezionato di località e gli elettori per posta dovranno firmare le loro schede in presenza di un testimone che deve anche firmarle.

I legislatori repubblicani hanno fatto eco alle affermazioni non dimostrate dell’ex presidente Donald Trump sulla mancanza di integrità nelle schede elettorali per corrispondenza. Ma un leader legislativo del GOP ha affermato di essere parzialmente soddisfatta dal requisito della firma e dai luoghi di voto di persona.

“Penso che ciò otterrà un po’ di conforto”, ha detto il leader della minoranza della Camera Cathy Tilton, R-Wasilla. “Ma penso che ci sarà ancora un po’ di costernazione nel fare un secchione di posta in tutto lo stato”.

Ha aggiunto: “Voglio sentirmi a mio agio, ma non posso darti una risposta al 100% che farei”.

Prepararsi per uno stuolo di candidati

Nelle interviste, Constant e Nick Begich III, un repubblicano che ha annunciato la sua candidatura mesi fa, hanno entrambi affermato di voler partecipare alle imminenti elezioni speciali, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulle primarie di agosto e sul generale di novembre precedentemente programmate.

“Le cose stanno certamente accelerando”, ha detto lunedì Begich in un’intervista telefonica. “Ma stavamo già correndo vicino alla massima velocità com’era.”

Il campo dei candidati alla Camera degli Stati Uniti, che include anche l’indipendente Gregg Brelsford, sembrava per lo più pronto per la scorsa settimana, anche se la scadenza ufficiale per la presentazione non è fino al 1 giugno.

Ora, gli osservatori politici dicono di prepararsi per uno stuolo di nuove speranze sia nelle elezioni speciali che in quelle regolari.

“È uno sprint di 60 giorni e penso che ci saranno 20 candidati”, ha affermato Jim Lottsfeldt, consulente politico e lobbista centrista.

Lottsfeldt ha detto di aver già parlato con tre o quattro persone che si candideranno per il seggio occupato da Young, che ha iniziato a contattarlo entro “circa 30 secondi” dalla notizia della morte del membro del Congresso diventata pubblica. I candidati probabilmente non annunceranno i loro piani per altri pochi giorni per rispetto di Young, ha aggiunto.

“E ‘un po’ come far girare il motore all’incrocio”, ha detto Lottsfeldt. “Una volta che qualcuno annuncia, seguiranno tutti l’esempio, perché non lasceranno che quella persona abbia il ciclo delle notizie da sola”.

I candidati precedentemente dichiarati hanno un vantaggio nella creazione dell’infrastruttura della campagna e i sostenitori di Begich notano che, in quanto imprenditore con milioni di dollari in attività, probabilmente avrà un vantaggio nella raccolta fondi.

Nell’intervista telefonica, Begich ha anche citato gli avalli ricevuti dai gruppi GOP durante il fine settimana, dopo la morte di Young.

“I repubblicani in tutto lo stato si stanno unendo attorno a questa campagna, riconoscendo l’importanza di muoversi rapidamente”, ha affermato.

Troppo presto per dire chi c’è dentro

Ma altri candidati stanno aspettando dietro le quinte.

Al Gross, un indipendente che si è candidato senza successo al Senato degli Stati Uniti nel 2020, ha più di $ 200.000 in contanti rimanenti per la campagna e milioni di propri beni su cui fare affidamento.

Alla domanda sui suoi piani, Gross ha detto in un messaggio di testo lunedì che sarebbe stato “contattato”. Una fonte che ha parlato con Gross ha detto che intende partecipare alla gara, e il sito web dell’ex campagna elettorale di Gross al Senato degli Stati Uniti è diventato buio lunedì.

Altri hanno detto che stanno valutando le loro opzioni o che è troppo presto dopo la morte di Young per fare un annuncio.

Meda DeWitt, una guaritrice tradizionale di Tlingit che ha contribuito a guidare la defunta campagna per richiamare Dunleavy, ha detto di aver ricevuto diverse chiamate lunedì mattina da persone che si chiedevano se, o speravano, si sarebbe candidata alla Camera degli Stati Uniti. Ha descritto quell’interesse come un riflesso dei desideri di alcuni abitanti dell’Alaska di vedere Young sostituito da una donna nativa.

“Non è fuori discussione”, ha detto DeWitt della sua stessa candidatura. “Ci vuole molto tempo per avere una rappresentazione equa.”

Forma il governatore repubblicano Anche Sarah Palin, in un’apparizione sulla rete conservatrice NewsMax, non ha escluso di cercare di occupare il posto, dicendo che “vedremo come andrà questo processo” e che sostituire Young “sarebbe un onore”.

Due due co-presidenti della campagna per la rielezione di Young, che sono stati entrambi proposti come potenziali candidati, hanno affermato lunedì che il loro obiettivo è altrove.

“Qualsiasi discussione formalmente su chi succede a Don Young è prematura a questo punto e opportunistica”, ha affermato Tara Sweeney, una donna Iñupiaq che ha lavorato in posizioni di alto livello presso il Dipartimento degli interni e l’Arctic Slope Regional Corp. Ha aggiunto: “Ho bisogno di tempo per elaborare la sua perdita e penso che la sua famiglia abbia bisogno di tempo per elaborare e soffrire”.

L’altro co-presidente, lo stato repubblicano di Anchorage, il senatore. Josh Revak, ha detto di aver avuto un “fine settimana con il cuore spezzato” e che sta cercando di dare la priorità alla moglie e all’eredità di Young.

“Questo è molto nuovo e il mio focus è sui suoi desideri e sui desideri della sua famiglia, in termini di eredità e in termini di onorarlo”, ha detto Revak, che una volta ha lavorato come aiutante di Young. “Penseremo ad altre cose più tardi.”

‘L’uccello più grande’

Quando l’attenzione in Alaska ha iniziato a concentrarsi nel fine settimana sul processo di sostituzione di Young, il corpo dell’ex membro del Congresso è stato trasportato in aereo da Seattle a Washington, DC, su un jet dell’Alaska Airlines.

Con la vedova di Young, Anne Garland Walton, che osservava insieme agli ex membri dello staff, la sua bara con la bandiera è stata scaricata e portata a un’impresa di pompe funebri, ha riferito la fonte di notizie dell’Alaska.

La prossima settimana, Young giacerà nello stato nella National Statuary Hall del Campidoglio degli Stati Uniti, ha annunciato lunedì la presidente della Camera Nancy Pelosi, un onore concesso a meno di 50 persone nella storia degli Stati Uniti.

Lo staff del Congresso di Young, nel frattempo, continuare a presentarsi al lavoro sotto l’impiegato della Camera come “Office of Alaska At-Large”.

“I nostri telefoni rimangono accesi e continuiamo a servire gli abitanti dell’Alaska con esigenze lavorative”, ha dichiarato lunedì in una dichiarazione Zack Brown, ex portavoce di Young e attuale membro dello staff generale dell’Alaska. “Sebbene l’ufficio non possa prendere posizione sulla legislazione, siamo a disposizione degli abitanti dell’Alaska che vogliono condividere le loro opinioni o che potrebbero avere domande sui progetti di legge davanti al Congresso. Nei prossimi giorni, il nostro ufficio condividerà l’elenco completo dei servizi disponibili dal nostro personale”.

In un comunicato stampa lunedì che ha accompagnato l’annuncio di Pelosi, Brown ha sostituito la precedente carta intestata dell’ufficio, che aveva un’immagine dell’aurora boreale. Quello nuovo è l’immagine di un corvo solitario, un riferimento alla convinzione di Young che si sarebbe reincarnato come, nelle sue parole, “il più grande uccello che sia mai stato creato da Dio”.

“Tornerò come un corvo”, ha detto in un’intervista lo scorso anno, “e vedrò come siamo stati bravi”.

Leave a Comment