Adam Schefter si scusa per il tweet su Dwayne Haskins

Adam Schefter di ESPN ha condiviso le scuse lunedì per un tweet che ha pubblicato sabato sulla morte del quarterback della NFL Dwayne Haskins.

“Era insensibile”, ha detto Schefter del tweet cancellato da allora. “È stato un errore.”

Nel tweet, che ha contribuito a dare la notizia che Haskins era morto sabato mattina dopo essere stato investito da un veicolo nel sud della Florida, Schefter ha scritto che il 24enne eccelleva nello stato dell’Ohio prima di “lottare per raggiungere Washington e Pittsburgh nel NFL”.

Il 55enne Schefter, che detiene il titolo di insider senior della NFL presso ESPN e ha un seguito su Twitter di 9,4 milioni, ha rapidamente ottenuto un grande contraccolpo da fan e atleti. Tra coloro che lo criticavano aspramente c’era il quarterback dei Baltimore Ravens lamar jackson e l’ex quarterback di Buckeyes Cardale Jones, che ha suggerito a Schefter di usare un linguaggio più positivo e ha scritto“Lascia che la sua famiglia e i suoi amici si addolorino invece di gettare ombra”.

La morte di Dwayne Haskins è stata “semplicemente devastante” per formare compagni di squadra e allenatori

Dopo aver cancellato il suo tweet più tardi sabato, Schefter ha pubblicato una revisione che descritto Haskins come “uno straordinario nell’Ohio State prima di diventare la scelta del primo round di Washington e giocare a Pittsburgh”.

Lunedì, Schefter ha condiviso una clip dal suo omonimo podcast in cui si è scusato e ha spiegato come Haskins è diventato “amato per il suo sorriso, il suo atteggiamento, la sua etica del lavoro, la sua crescita e l’uomo in cui si era trasformato”.

“Dwayne Haskins era amato dai suoi compagni di squadra nella comunità della NFL, come ha dimostrato l’effusione di supporto durante il fine settimana”, ha detto Schefter. “Questo è il Dwayne Haskins che merita di essere ricordato. Questo è il modo in cui era, e il modo in cui viveva, e mi scuso per non essere stato chiarito prima da me. Ma le persone che lo conoscevano meglio lo sapevano già”.

La quindicesima selezione nella bozza del 2019, Haskins è stata rilasciata da Washington alla fine della stagione 2020. Ha firmato un contratto di un anno nel gennaio 2021 con il Pittsburgh, che ha utilizzato un’offerta di free agent limitato per trattenerlo per la stagione 2022. Sulla scia del ritiro di Ben Roethlisberger alla fine della scorsa stagione, Haskins ha avuto l’opportunità di guadagnare un posto nella classifica di profondità degli Steelers e possibilmente competere per il lavoro da titolare.

Nei suoi commenti lunedì, Schefter ha affermato che l’allenatore di Pittsburgh Mike Tomlin, l’ex direttore generale Kevin Colbert e il presidente della squadra Art Rooney II “si sono affezionati incredibilmente” ad Haskins, che aveva tenuto a “dimostrare di essere grato di essere un membro del organizzazione.” Schefter ha detto che il quarterback “ha adottato [Pittsburgh] come sua casa”, era attivo nella comunità e si addestrava diligentemente presso la struttura degli Steelers.

“Vorrei poter riavere quel tweet”, ha dichiarato Schefter nel suo podcast. “Il focus avrebbe dovuto essere su Dwayne, chi era come persona, marito, amico e molto altro ancora. Volevo scusarmi con la famiglia di Dwayne, i suoi amici, i giocatori della NFL e porgere le mie condoglianze a tutti coloro che sono vicini a Dwayne”.

Schefter non è stata l’unica figura nota nel mondo della NFL a scusarsi in seguito a commenti molto criticati su Haskins. Forma il dirigente personale di Dallas Gil Brandt, un membro della Pro Football Hall of Fame, twittato Sabato ha una dichiarazione di rammarico per aver “reagito con noncuranza e insensibilità a un’intervista radiofonica”.

Parlando all’inizio della giornata su SiriusXM NFL Radio, per la quale ha fatto frequenti apparizioni come analista, Brandt disse Haskins era “un ragazzo che viveva per essere morto, per così dire”.

Prospettive | L’eredità di Dwayne Haskins non può essere misurata con le statistiche

Brandt ha affermato che Haskins, che ha dichiarato per il draft NFL dopo la sua seconda stagione in maglia rossa allo stato dell’Ohio, era stato fortemente consigliato di non “lasciare la scuola presto” a causa di “abitudini di lavoro” presumibilmente carenti.

“Era sempre qualcosa”, ha detto il 90enne Brandt. “Era una di quelle cose [like], ‘Non sono mai in fuorigioco, ma continuano a chiamarmi per fuorigioco.’ …E’ una cosa tragica. Ogni volta che qualcuno muore è tragico, specialmente quando hai 24 anni e hai tutta la vita davanti a te. Ma forse se fosse rimasto a scuola un anno [longer]non farebbe cose stupide.

A seguito di un torrente di critiche da parte, tra gli altri, dei giocatori della NFL attuali ed ex, Brandt dichiarato Sabato su Twitter: “Voglio scusarmi con la famiglia del signor Haskins e chiunque abbia ascoltato la mia scarsa scelta di parole. Mi scuso davvero. Il mio cuore è con la sua famiglia in questo momento difficile”.

Nei suoi commenti lunedì, Schefter ha affermato che “il modo in cui ho fallito sabato” è stato non dirigere “l’attenzione della gente per assicurarsi che Dwayne venga ricordato correttamente”.

“Era noto per il suo sorriso, il suo cuore gentile e i suoi sogni”, ha detto Schefter. “E purtroppo e tragicamente, quelli sono stati tutti spenti prima che potessero diventare realtà”.

Leave a Comment